ADSI Toscana news

Le notizie della Sezione Toscana dell'Associazione Dimore Storiche Italiane

CONSERVA E SCIROPPO DI LAMPONI

8.Lamponi copia

8.lamponi 8.Lamponi.retro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si mettono i lamponi bene maturi in una casseruola bene bagnata, poi si mettono al fuoco moderato fino al punto che arrivano al bollore, ma si avverte che non devono bollire neppure un minuto.

Questa prima operazione serve solo per fare dividere il liquido dalla pasta.

Arrivati dunque al punto del bollore si tolgono dal fuoco e si versa il tutto in uno straccio posato sopra un catino o vaso qualunque per fare scolare tutto il liquido, ma senza toccarli, e questo è lo sciroppo, ma per ottenere questo occorre molto tempo.

La pasta che rimane nello straccio va passata dal medesimo e precisamente come si fa alla conserva di pomodori.

Divisa dunque la pasta dal liquido si pesa tanto l’una che l’altra, e per ogni libbra di lamponi si mettono 8 once di zucchero bianco; già s’intende che ci vogliono due casseruole, una per il liquido e una per la pasta; sarà bene la casseruola strofinarla con un mezzo limone per togliere qualunque odore. Quindi si faccia cuocere a fuoco moderato preoccupando di mestare tanto l’una che l’altra per impedire che lo zucchero si attacchi alla casseruola. Arrivato lo sciroppo al punto del bollore deve bollire dieci minuti o al più 12, questo si deve regolare al momento avendo riguardo che non cambi colore che il troppo bollire lo farebbe diventare nero, come il poco bollire non lo farebbe mantenere. Appena lo sciroppo è al suo giusto punto di cottura si cola subito da una tela non tanto fitta, all’avvertenza di averla prima intrisa nell’acqua eppoi bene strizzata, quindi ci si versa subito dentro lo sciroppo a filtrare e quando freddato si mette in bottiglie, ma che sia sempre tiepido. Le bottiglie poi vanno turate il giorno dopo.

La conserva quando è cotta alla medesima attenzione per 12 o 15 minuti, quando è tiepido questo pure, si versa nei vasi dove si vuole conservare e il giorno dopo, si copre con un foglio di carta bagnata con lo spirito, il quale foglio  deve essere posato proprio sopra la conserva.

 

Il 25 maggio la conserva sarà impiegata per la realizzazione di un dolce da

Il Giardinetto – via Roma 155, Fivizzano (MS) t. 0585 92060

Annunci

Un commento su “CONSERVA E SCIROPPO DI LAMPONI

  1. Pingback: Lunigiana: 10 dolci interpretati da Pasticcerie e Ristoranti | ADSI Toscana news

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/05/2014 da in TAVOLE DI TRADIZIONE con tag , .
Follow ADSI Toscana news on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per restare aggiornato sulle novità della Sezione Toscana dell'Associazione Dimore Storiche Italiane.

Segui assieme ad altri 4.503 follower

Instagram | adsitoscana

#scattaledimorestoriche #photolux2017 #adsi fino al 10 dicembre in #palazzotucci a Lucca #scattaledimorestoriche nel calendario delle mostre #photolux2017 a #palazzotucci fino al 10 dicembre L'ultimo scatto finalista del challenge fotografico Scatta le dimore storiche
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Scopriamo una delle ultime foto finaliste del challenge fotografico Scatta le dimore storiche realizzate da @susannadituri
#photolux 
#dimorestoriche2017 
#adsitoscana Lo scatto di un altro finalista del challenge fotografico Scatta le dimore storiche. Grazie a @sienaart
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Uno dettaglio in bianco e nero di @sara.vannucchi realizzato durante il challenge fotografico Scatta le dimore storiche
#adsitoscana 
#photolux 
#dimorestoriche2017 Uno scatto in bianco e nero di Riccardo Leprai di Palazzo Bartolini Salimbeni per il challenge fotografico Scatta le dimore storiche
#photolux 
#dimorestoriche2017
#adsitoscana Lo scatto di un'altra delle 25 finaliste del Challenge fotografico Scatta le dimore storiche realizzato in collaborazione con Photolux.

Riconoscete la dimora?
#adsitoscana 
#photolux 
#dimorestoriche2017 Cinzia Donati fotografa un dettaglio di Villa Paolina a Compignano per il challenge Scatta la dimora storica
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Un dettaglio del cortile di Palazzo Ximenes di Davide Vezzi per il challenge fotografico Scatta le dimore storiche
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Un dettaglio in bianco e nero del Complesso di San Francesco realizzato da Giuseppe Leonardi per il challenge Scatta le dimore storiche
#photolux 
#dimorestoriche2017 
#adsitoscana Scopriamo un altro dei 25 finalisti del challenge fotografico Scatta le dimore storiche. Grazie a Matteo Bimonte per lo scatto
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Un accantivante dettaglio di Palazzo Pucci fotografato da Stepanka Krausova per il challenge fotografico Scatta le dimore storiche
#photolux 
#dimorestoriche2017 
#adsitoscana Per il challange Scatta le dimore storiche lo scatto finalista di @destinazioneterra della Villa Paolina a Compignano 
#photolux 
#dimorestoriche2017 
#adsitoscana Un dettaglio del Giardino Corsi Annalena fotografato da Skrypko Svitlana durante il challenge Scatta le dimore storiche
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Debora Marovelli ci regala questa immagine selezionata tra i 25 finalisti del challenge Scatta le dimore storiche
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Scopriamo una nuova foto di una delle finaliste del challenge Scatta le dimore storiche. Grazie a Daniela Bassignani per lo scatto.
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 L'ingresso di Montesenario in questo scatto di Claudia Giusti per il challange Scatta le dimore storiche.
#photolux 
#dimorestoriche 
#adsitoscana
Giornata Nazionale 201827 maggio 2018
5 mesi ancora.

Seguici

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: