ADSI Toscana news

Le notizie della Sezione Toscana dell'Associazione Dimore Storiche Italiane

I brigidini di Casa Gentili

La tradizione dei brigidini a Casa Gentili è legata alle pinze appartenute alla famiglia Frizzi che ha abitato la casa fino al 1911.

Le pinze sono in ferro battuto con due pregevoli incisioni sulle facce che si “timbrano” sui brigidini. Su una faccia al centro di sole, sono incise le iniziali A.F. ovvero di Attilio Frizzi 1867 a datare la realizzazione del manufatto. Le pinze hanno un diametro di 20 centimetri e un manico di 70, lunghezza che permette di mantere una giusta distanza dal fuoco.

Fino agli anni ’70 le pinze venivano prestate nel periodo che prece de la Befana, agli abitanti di Avane che in cambio restituivano i brigidini nella caratteristica carta paglia.

Quella che segue è la ricetta di Casa Gentili che cuoce i brigidini sul fuoco del camino, un’occasione per trascorrere qualche ora piacevole davanti al fuoco.

Gli ingredienti

200 gr farina bianca

40 gr burro

50  gr zucchero

1 uovo

½ bustina lievito vanigliato

1 cucchiaio semi di anice

1 pizzico sale

latte q.b.

 

Il procedimento  

Rompere l’uovo in una ciotola, unire zucchero e farina, sale, burro ammorbidito e tanto latte quanto ne occorre per ottenere una pasta densa, in ultimo unire il lievito.

Lavorare la pasta per bene e formare tante palline della dimensione adeguada alle pinze con le quali si faranno i brigidini (con pinze da cm 20 di diametro, formare palline di circa cm 3).

Scaldare le pinze sopra il fuoco del camino, quando la pallina di pasta messa nella pinza non si attacca né si brucia, significa che le pinze sono ben calde.

Con le pinze alla giusta temperatura, mettere una pallina di pasta al centro, chiudere la ganascia bloccando i manici in modo che rimanga ben ferma e appoggiare la pinza direttamente sul fuoco, lasciare cuocere circa un minuto, poi girare la pinza dall’altro lato.

Terminata la cottura, aprire la pinza e mettere a freddare il brigidino disteso per qualche minuto.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31/03/2014 da in TAVOLE DI TRADIZIONE con tag , , .
Follow ADSI Toscana news on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per restare aggiornato sulle novità della Sezione Toscana dell'Associazione Dimore Storiche Italiane.

Segui assieme ad altri 4.503 follower

Instagram | adsitoscana

#scattaledimorestoriche #photolux2017 #adsi fino al 10 dicembre in #palazzotucci a Lucca #scattaledimorestoriche nel calendario delle mostre #photolux2017 a #palazzotucci fino al 10 dicembre L'ultimo scatto finalista del challenge fotografico Scatta le dimore storiche
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Scopriamo una delle ultime foto finaliste del challenge fotografico Scatta le dimore storiche realizzate da @susannadituri
#photolux 
#dimorestoriche2017 
#adsitoscana Lo scatto di un altro finalista del challenge fotografico Scatta le dimore storiche. Grazie a @sienaart
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Uno dettaglio in bianco e nero di @sara.vannucchi realizzato durante il challenge fotografico Scatta le dimore storiche
#adsitoscana 
#photolux 
#dimorestoriche2017 Uno scatto in bianco e nero di Riccardo Leprai di Palazzo Bartolini Salimbeni per il challenge fotografico Scatta le dimore storiche
#photolux 
#dimorestoriche2017
#adsitoscana Lo scatto di un'altra delle 25 finaliste del Challenge fotografico Scatta le dimore storiche realizzato in collaborazione con Photolux.

Riconoscete la dimora?
#adsitoscana 
#photolux 
#dimorestoriche2017 Cinzia Donati fotografa un dettaglio di Villa Paolina a Compignano per il challenge Scatta la dimora storica
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Un dettaglio del cortile di Palazzo Ximenes di Davide Vezzi per il challenge fotografico Scatta le dimore storiche
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Un dettaglio in bianco e nero del Complesso di San Francesco realizzato da Giuseppe Leonardi per il challenge Scatta le dimore storiche
#photolux 
#dimorestoriche2017 
#adsitoscana Scopriamo un altro dei 25 finalisti del challenge fotografico Scatta le dimore storiche. Grazie a Matteo Bimonte per lo scatto
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Un accantivante dettaglio di Palazzo Pucci fotografato da Stepanka Krausova per il challenge fotografico Scatta le dimore storiche
#photolux 
#dimorestoriche2017 
#adsitoscana Per il challange Scatta le dimore storiche lo scatto finalista di @destinazioneterra della Villa Paolina a Compignano 
#photolux 
#dimorestoriche2017 
#adsitoscana Un dettaglio del Giardino Corsi Annalena fotografato da Skrypko Svitlana durante il challenge Scatta le dimore storiche
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Debora Marovelli ci regala questa immagine selezionata tra i 25 finalisti del challenge Scatta le dimore storiche
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 Scopriamo una nuova foto di una delle finaliste del challenge Scatta le dimore storiche. Grazie a Daniela Bassignani per lo scatto.
#photolux 
#adsitoscana 
#dimorestoriche2017 L'ingresso di Montesenario in questo scatto di Claudia Giusti per il challange Scatta le dimore storiche.
#photolux 
#dimorestoriche 
#adsitoscana
Giornata Nazionale 201827 maggio 2018
5 mesi ancora.

Seguici

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: